sabato 30 aprile 2011

Il balocco di paese

Wanted...dead or alive, come nei western quando si arrivava nel paese fantasma e la scritta affissa sulle travi di legno pericolanti dei ranch o dei saloon informavano il malcapitato di turno delle intenzioni della legge in personam: lo sceriffo.
Mutatis mutandis, il paese già lo conosciamo (in questi giorni un suo quartiere era pure fantasma, complice uno strano blackout elettrico, forse a causa del risveglio del sole...), lo sceriffo il centralinista di turno e il ricercato...beh...


giovedì 28 aprile 2011

Siccità europea


Il 2011 è iniziato, dalle nostre parti, all'insegna della siccità. Termine forse un po' improprio, dal momento che non esiste una vera e propria stagione connotata da assenza di precipitazioni protratta per mesi, come nelle regioni tropicali. In realtà si tratta - come è invece tipico delle medie latitudini - di un prolungato periodo con precipitazioni scarse o molto scarse. Non una novità, certo. Ma comunque una situazione anomala e abbastanza rara.

UPDATE 15/5 in fondo

lunedì 25 aprile 2011

Domani è un milione di anni

(fonte qui e qui)
La zona del disastro

(fonte)
25 anni dall'inferno di Černobyl' (servizi anche qui e qui, qui invece un servizio speciale):

• ce lo ricordano molti interventi come questo, questo (qui il numero speciale su "Clinical Oncology"), questo o questo, sul rischio 0;
• ce lo rammenta la stretta attualità, nonostante il tentativo di rimozione definitiva;
• ce lo accosta alla cronaca giapponese un esperto di letteratura e fenomeni eccezionali ed autore di un libro recente in questa intervista in 5 parti (uno, due, tre, quattro, cinque, fonte: CdT 30/3/11);
• ce lo sguinzaglia Cassandra in uno splendido, pietrificante e condivisibilissimo post.


venerdì 22 aprile 2011

Vandana Shiva su MS | Earth Day 2011

Splendida intervista alla fisica indiana Vandana Shiva sul tema sensibile della resilienza e dei rapporti fra agricoltura, ecologia e cambiamenti climatici (qui, quiqui alcuni recenti reports and news della FAO, qui e qui un articolo divulgativo, qui un recente post) in occasione dell'Earth Day 2011.

mercoledì 20 aprile 2011

Twilights - Winter cooling? II



# Nero come la notte dopo il crepuscolo: DWH's Crash un anno dopo...


...sembra tutto - nonostante tutto - come se nulla fosse accaduto (perché se sopra molto è stato fatto, sotto...). Da tempo. Ma il tempo è galantuomo, dicono: se 22 anni ancora non sono sufficienti affinché l'ecosistema costiero al largo dell'Alaska si possa considerare ripristinato e riequilibrato dopo il crash e il conseguente oil spill da parte della Exxon/Valdez (e il danno persiste, benché già allora dominasse il pessimismo della ragione), figuriamoci dopo un solo anno esatto dai flussi neri come la notte dopo il crepuscolo nel Golfo del Tossico da parte del crash alla BP/DWH...


# Il crepuscolo del giorno prima: il mito della Corrente del Golfo...



lunedì 18 aprile 2011

***(ASTRO)TURF WARS***

A long time ago, in a galaxy far, far away... 


Koch Industries Inc. überalles

Giù le mani dalla mia personale assistenza sanitaria

Barack Hussein Obama 

No change & status quo for the party 

No oil & coal, no party 

Tea Party, what else?

E ovviamente: il GW è una truffa globale, è una trama comunista

sabato 16 aprile 2011

Foreste 2011 II - Rizomi

Alcuni spunti rizomatici che sono affiorati dallo stream odierno, mentre visitavo la sottostazione sudalpina del WSL, durante l'odierna giornata delle porte aperte (in occasione degli eventi dedicati ai festeggiamenti del ventennale dell'apertura della sede, della fine del giubileo del 125esimo della nascita dell'istituto e naturalmente del 2011, anno delle foreste, primo post dedicato qui).

Performance per nascondere l'inclino

Per tutto il 2008 (e anche nel 2009 e 2010...) c'era chi faceva il lumacone con Scary Monckton e le sue Super Crêpes, filandoselo per bene e pendendo dalle sue cotiche (vedi per es. qui o qui)*.

Per tutto il 2010 (e ancora adesso) c'era chi accusava il mainstream della climatologia di essere al servizio del complottismo mondiale della talpa suicida, finalizzato alla cospirazione per illudere miliardi di persone, perché le mail spiate dicevano che avevano usato dei trucchi per nascondere il declino termico (vedi per es. qui o qui)*. Infatti siamo in pieno global cooling acclamato e conclamato ed è iniziata la NIA, i ghiacci avanzano ovunque e i mari si abbassano (vedi per es. qui o qui).

Chissà se per buona parte del 2011 riusciremo a ricordarci di questa splendida defecata (tratta da questa splendida opera gastrointestinale) che chiude il cerchio?

giovedì 14 aprile 2011

L'esplosione del GW


Esiste una statistica molto seguita in Svizzera tedesca (a Zurigo) riferita al tipo di estate che farà da quelle parti (per cui, estendendo l'area: Europa centrale e nordalpina). Si rifà ad una festa tradizionale di primavera che dura due giorni e si svolge ed inizia ogni prima domenica di aprile dopo la luna nuova mensile e che ha origini nel Medioevo. Il lunedì è dedicato alla simbolica cacciata dell'inverno.

Alla fine della festa, il lunedì, viene appiccato il fuoco ai piedi del Böögg, l'esotico nome con il quale gli zurighesi chiamano il vero protagonista dell'evento: un pupazzo di paglia umanoide vestito di un materiale infiammabile bianco, la cui testa è riempita di petardi, e che simboleggia l'inverno da incendiare e uccidere. Ebbene: la tradizione vuole che la velocità con cui la testa del pupazzo esplode è direttamente proporzionale al tipo di estate che ci sarà. Più velocemente fa bang, più calda e asciutta sarà l'estate; meno velocemente più fredda e instabile sarà la stagione.

Quest'anno?

domenica 3 aprile 2011

M C A


Un refresh aggiornatissimo sulla Medieval Climate Anomaly, MCA (come viene oggi più comunemente definito il periodo climatico medievale).
Direttamente dalle pagine speciali dell'ultimo numero di PAGES.
Dopo l'editoriale di Elena Xoplaki, Dominik Fleitmann ed Henry Diaz, seguono una quindicina di contributi.

venerdì 1 aprile 2011

Il paese dei balocchi


Il paese dei balocchi è un posto molto speciale. Coloratissimo e variopinto, vi abbondano i colori dell'arcobaleno ma manca il verde. Divertentissimo e ilare, vi abbondano le barzellette e il sarcasmo ma manca la connessione con la realtà. Gustosissimo e dolcissimo, vi abbondano le leccornie e le ciliegine ma mancano sostanza e fondamentali.