Col...gate: rivincita con interesse

Un anno dopo la nascita del gate delle bolle balle (vedi per es. qui o qui), mezz'anno dopo lo scoppio delle stesse (vedi qui), i primi verdetti sulla sua eredità (?).
Oca, Cassandra e altri (bello questo di coby, ad es.) ne ricordano sviluppi, condizioni di contorno, effetti, snodi, approcci, associazioni.
Oggi possiamo dire che tutto è cambiato. Infatti in un anno siamo stati partecipi di una delle più audaci vendette che la recente storia della scienza ha potuto vedere all'opera. Servita su un piatto come deve essere servito e consumato un vitello tonnato.

0 a 1 pesante in entrata. Il furto delle mail produsse rumore, riverberi e dissonanze con echi voluti fino a Copenhagen (ma c'era già del marcio in partenza e bolle o non bolle non credo che sarebbe poi finita molto diversamente...) e obnubilò e ipnotizzò molti accoliti del global cooling imperante e del terrapiattismo bigoilista (vedi ad es. qui o qui). Contava e conta molto di più l'anelito e la propensione al complottismo che il crimine in sé, per costoro. Tattica della decontestipolazione, alias gish gallop.

0 a 2 poco dopo. Sull'onda, ecco fare le pulci all'operato della CRU, a singoli ricercatori climatologi, a persone minacciate e oltraggiate da azioni di stampo mafioso. Depressione forte e profonda per qualcuno, che potrebbe anche giustificare un paio di rigori in più contro (0 a 4?). E via con le pulci all'IPCC, e vai con Amazongate, Himalayagate, DrHousegate, echecacchiononmiricordoneanchepiùchecosagate-....insomma bubblesgate dalle mille tonalità pastello...

Poi la rimonta. Come ricorda molto bene questo post di Skeptical Science: prima il Comitato della Scienza e Tecnologia del parlamento inglese, poi la Commissione Lord Oxburgh, poi l'inchiesta presieduta da Sir Muir Russell (sull'operato della CRU), poi 2 inchieste americane effettuate dall'università per la quale lavora una altra delle vittime di questo oltraggio, poi il governo inglese, poi le scuse dei vari giornali, poi il governo olandese, poi la BBC...

Alla fine, tenuto conto delle reti che valgono doppio, siamo forse già a....15 a 4?
E con quali effetti sugli sconfitti? E sugli ipnotizzati dell'ultima ora?

Ma il bello sono gli interessi. Non si scherza con Mother Earth. Che ci ha "regalato" una trama che neanche gli sceneggiatori di Lost o di Alien...
Mentre l'inverno europeo e nordamericano (dell'east-coast) faceva di tutto per corroborare l'idiozia di certi commenti sull'era glaciale del 2010 e la tattica decontestipolatoria dei soliti noti per i quali il complotto mondiale dei climatologi (magari guidato dal solito protocollo dei savi?) era evidente e dimostrabile finanche da sole 2 delle più famose mail decontesipolate (quella della travesty che non si riesce a spiegare il global cooling e quella del trick per nascondere l'evidente declino delle temperature), ecco che partivano i filotti da record del 2010.
Inverno più caldo nell'Artico e su scala globale primavera più calda, primo semestre più caldo, estate euroasiatica più calda, record plurisecolare in Russia europea, autunno che continua, imperterrito e nonostante la Nina strong, a mostrare anomalie rosso superfreak...
E questo in un contesto di attività solare anemica e dormiente, con tutti i crismi simili a quelli di un secolo fa (ma forse...).

Alfine, quindi, ecco svelati i mosaici.

Primo: Mondrian

Secondo: qui

Terzo: qui

Quarto: qui.

Commenti

Post popolari in questo blog

Vendicati i "modellini farlocchi"

Clima più estremo? III — Heatwaves, feedbacks

Il 2016 in Svizzera