Pianeta a una dimensione


Cosa non si fa per compiacere i CATO-filo-svipopisti in palese perdita generale di consenso, anche sulle questioni climatiche e ambientali.



Prima il WSJ rende pubblica la resa di produzione di quattro pesci lessi per quattro emissari (fra i quali il divertentissimo e allegro Chevalier di Flatlandia oltre a monsignor Zi...chicchericchì) della ben nota acquacoltura a denominazione di origine controllata e garantita. Sollecitato da una pressante lettera di smentita, il WSJ è costretto a pubblicare lo stato dell'arte ma stranamente né arte né parte presso i soliti noti.

Indi, grande eccitazione chez il solito bric-à-brac nelle solite wunderkammer del solito paese. Chi plaude alla resa, chi finge diffidenze per il modus ma non certo per la sostanza, chi non vede altro che la conferma delle le sue tesi reazionarie, ideologiche e antidiluviane. Fra le tante chiacchiere di sottofondo, trovo interessante questo commenticchio che rappresenta la quintessenza del pensiero da bar di periferia profuso dopo il 39esimo grappino. Considerando l'origine catto-filo-svipopista delle tesi generali della scribacchina del commenticchio, la sorpresa viene un po' meno, figuriamoci l'impressione.

Commenti

  1. per chi non conoscesse il pensiero svipopista:
    http://www.svipop.org/associazioni.php

    Pensiero in senso lato.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Vendicati i "modellini farlocchi"

Clima più estremo? III — Heatwaves, feedbacks

Il 2016 in Svizzera