Sounds of climate change: from Meltland...with love

Pre-draft di un post dedicato a Meltlandia, in uscita....quando potrà.

Commenti

  1. Non è per essere pedante e noioso ma in quell'immagine del ritiro (già vista ma non ricordo dove) non ho mai capito perchè dal 1964 al 2001 sembra non esserci quasi nessuna regressione, eppure il GW premeva sino dagli anni '80 ?
    Forse le condizioni del fondale o le caratteristiche del ghiacciaio ?

    RispondiElimina
  2. Occhio: è vero quel che dici, ma la Groenlandia (soprattutto la sua parte meridionale) era uno dei pochi posti che - fino ai 90 inoltrati - si stava leggermente raffreddando e riceveva forti accumuli. Colpa anche e soprattutto della NAO+++
    Dai 90 la NAO cala, ma poi - nonostante rimanga tendenzialmente positiva fino agli ultimi 2-3 anni (per l'Europa, imho, il 2007 segna un possibile watershed circolatorio: da allora abbiamo avuto 4 estati con AO/NAO- e inverni con AO/NAO in forte calo), entra in gioco (soprattutto dal 2003) l'amplificazione artica e altri fenomeni meccanici favoriti dall'assottigliamento della massa glaciale marginale, ad es. descritti qui: http://www.ingentaconnect.com/content/igsoc/jog/2004/00000050/00000168/art00006
    o qui: http://www.ingentaconnect.com/content/igsoc/jog/2008/00000054/00000187/art00008

    RispondiElimina
  3. Qui trovi una dettagliata spiegazione della risposta non lineare del ghiacciaio:
    http://www.realclimate.org/index.php/archives/2008/04/moulins-calving-fronts-and-greenland-outlet-glacier-acceleration/

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Vendicati i "modellini farlocchi"

Clima più estremo? III — Heatwaves, feedbacks

Il 2016 in Svizzera