P = ¬P

E che la costruzione del futuro abbia inizio...

Dunque, dicevano certuni tempo fa su un blog amico:
in Svizzera poche settimane fa hanno votato contro una centrale eolica...ovviamente nessuno ne ha parlato sulla stampa “ambientalista”, in compenso sul referendum anti-nucleare, perso dagli anti-nucleari, ne sentiamo parlare come se avessero vinto gli anti-nucleari….
 Un condensato di logica paradossale alquanto efficace, in effetti.


Cert'altri replicavano così:
...resta il fatto che la popolazione svizzera ha respinto seccamente la proposta dei Verdi e della sinistra di imprimere un’accelerazione all’abbandono del nucleare (...) in ogni caso ciò che si dovrebbe considerare è il succo di tutta la questione e cioè che la gente non dimostra poi di aver così tanta paura del nucleare, visto che probabilmente ci vorrà ancora più di mezzo secolo prima che l’ultima centrale nucleare venga disattivata, e sicuramente in questo lungo arco di tempo ne passerà di acqua sotto i ponti (o meglio, di “uranio dentro i reattori”) e di fatto nessuno può davvero prevedere cosa possa accadere nel frattempo.
Un altro bel condensato di logica paradossale e con in più la ciliegina della previsione. Ma, si sa: è molto difficile fare previsioni, specialmente riguardo al futuro.

Infatti: appena sei mesi dopo, ecco che la popolazione svizzera decide di accettare la legge federale sull'energia, indispensabile strumento per attuare la Strategia energetica 2050 elaborata dal Governo elvetico. Con questa strategia verrà abbandonato gradualmente il nucleare a favore dello sfruttamento sistematico dei potenziali di miglioramento dell'efficienza energetica esistenti (e della riduzione del consumo) e quelli offerti dall'energia idrica e dalle nuove energie rinnovabili (energia solare, eolica, geotermia, biomassa). Ciò significa che, una volta spente (le prime entro il 2020, l'ultima entro il 2040), le centrali nucleari esistenti non possono essere sostituite e dunque non se ne possono costruire di nuove.

Eh, sì: gli svizzeri hanno proprio votato contro le centrali nucleari, e ovviamente sulla stampa nei prossimi giorni dubito ne sentiremo parlare come se avessero vinto i nuclearisti...

Una Svizzera tutta in verde

Commenti

  1. Però già De Gregori cantava:"...e la Svizzera verde". Ritornello : "Hanno ammazzato Pablo e Pablo è vivo". Ciao Carlo.

    RispondiElimina
  2. Mi fa piacere vedere che quanto scrivo ti stimoli a riflettere su certi argomenti, come quello energetico, che ti sono chiaramente ostici.

    La brutta notizia e' che continui a non capirne molto, steph!
    Forse passi troppo tempo con i colleghi ex/post-sessantottini della farloccamente mitica "2000 W society" all'ETH? Probabile. :-)

    Il recente voto, il 58% con una percentuale di non votanti piuttosto alta (vado a memoria), e' il classico, come si dice dalle mie parti... "voio ma no posso".
    Voi svizzeri vorreste essere verdi, e lo siete in buona parte solo grazie alle montagne e all'idro... siete cosi' verdi che le statistiche che ho letto di recente dicono che la vettura media venduta in Svizzera e' sempre piu' grossa e potente.

    Li vedo i vicini dei cantoni francofoni di Losanna e Ginevra, primo e secondo per percentuale di votanti a favore della nuova strategia energetica... con le loro Bentley, Mercedes, BMW, Audi, Porsche e tutto il resto, rigorosamente modelli "haut de gamme"... che si adattano a girare in tram e bicicletta elettrica!... ma ci credi veramente tu a questa favola?

    La miglior dimostrazione del perche' la politica energetica votata sia farlocca e' data da questo:

    https://www.dropbox.com/s/0eallnkpepdijmi/IMG_20170522_151502.jpg?dl=0

    ... ho fotografato l'articolo di un giornaletto locale ginevrino (rassegna stampa), di commento al voto del giorno prima.

    E chi e' che, come te, grida vittoria?

    La deputata verde... se googli il suo nome scopri che e' laureata in filosofia, e' co-presidente dei verdi svizzeri assieme ad un'altra donna che, guarda caso!... e' pure lei laureata in materie umanistiche... che dire?... fatevi pure del male, seguite i consigli di "esperti" come questi... se c'e chi paga 850 Euro per ascoltare il "climatologo" Obama discettare di clima... perche' non credere a queste due gratis?

    In altre epoche c'erano pece e piume... adesso gli si da i "like" su Twitter... o tempora o mores... ma che mores de m...a!

    Al tempo stesso, gli stessi "verdi" si oppongono a progetti veramente verdi, come questo...

    https://www.dropbox.com/s/q8x0ao4lea0icf6/IMG_20170406_101214.jpg?dl=0

    ... stesso paese, la svizzera... ma non dicevi, poco sopra che...

    "Con questa strategia verrà abbandonato gradualmente il nucleare a favore dello sfruttamento sistematico dei potenziali di miglioramento dell'efficienza energetica esistenti (e della riduzione del consumo) e quelli offerti dall'energia idrica e dalle nuove energie rinnovabili (energia solare, eolica, geotermia, biomassa)".

    Steph, ascolta zio robbe': la produzione elettrica da nucleare, baseload, sara' in stragrande maggioranza sostituita da "sano" carbone e lignite tedesche, e importata. Le rinnovabili intermittenti sono piu' farlocche dei modellini di Gavino il Matematico, o l'hockeyshticker Mann, non l'hai capito ancora?

    Da paese esportatore di elettricita', e con grossi margini... ve la compra soprattutto il vicino antinucleare italiano... che ganzi, eh!... diventerete anche voi importatori netti.
    Ovviamente, essendo uno dei paesi piu' ricchi del pianeta potrete farlo... potreste soddisfare la vostra fame a colpi di scatolette di caviale beluga... ma da questo a brindare come se fosse la soluzione per il resto del pianeta... "il futuro tracciato"... ma dai!... basta fare due conti... ma non farlocchi. :-)

    Ciao bello... ti invio una foto del futuro "verde" che vi aspetta.
    E' da posti come questo che vi arrivera' fra poco sempre piu' energia elettrica:

    https://fr.wikipedia.org/wiki/Garzweiler

    ... villaggi rasi al suolo e autostrade deviate per far spazio a ulteriori scavi... centinaia di milioni di tonnellate di CO2 (e altro) in atmosfera... e tu/voi a fare la hola festanti????

    Hasta la vista, baby.


    RispondiElimina
    Risposte
    1. “Mi fa piacere vedere che quanto scrivo ti stimoli a riflettere su certi argomenti, come quello energetico, che ti sono chiaramente ostici.”

      E non sai quanto faccia piacere anche a me constatare che i miei post suscitino tue risposte che trasudano imbarazzante incompetenza.

      “La brutta notizia e' che continui a non capirne molto, steph!
      Forse passi troppo tempo con i colleghi ex/post-sessantottini della farloccamente mitica "2000 W society" all'ETH? Probabile. :-)”

      Fosse anche. Ma prima di capire, occorre informarsi. E tu questo passo non lo fai neppure stavolta. Peccato. Ma nulla è perso per sempre: vieni ad esperirne la fattibilità e la vivibilità, poi mi dirai.

      “Il recente voto, il 58% con una percentuale di non votanti piuttosto alta (vado a memoria), e' il classico, come si dice dalle mie parti... "voio ma no posso".
      Voi svizzeri vorreste essere verdi, e lo siete in buona parte solo grazie alle montagne e all'idro... siete cosi' verdi che le statistiche che ho letto di recente dicono che la vettura media venduta in Svizzera e' sempre piu' grossa e potente.”

      Sì, su questo ti dò in parte ragione. Ma ancora una volta, dimostri di non essere informato. Non si tratta di volere e non potere. Non era un referendum contro o a favore dell'essere verde. Si trattava di approvare (o meno) la legge sull'energia che permette al Governo svizzero (che non è composto in maggioranza da sinistroidi ex sessantottini fan della Baader Meinhof, e neppure di verdi vegani adepti dell'ecosofia del profondo nord) di mettere in atto la prima tappa della sua Strategia energetica 2050 elaborata 6 anni fa. Vai, informati un po', per una volta, dai. Non è difficile.

      http://www.bfe.admin.ch/energiestrategie2050/index.html?lang=it
      https://www.swissinfo.ch/ita/economia/strategia-energetica-2050/43056980

      “Li vedo i vicini dei cantoni francofoni di Losanna e Ginevra, primo e secondo per percentuale di votanti a favore della nuova strategia energetica... con le loro Bentley, Mercedes, BMW, Audi, Porsche e tutto il resto, rigorosamente modelli "haut de gamme"... che si adattano a girare in tram e bicicletta elettrica!... ma ci credi veramente tu a questa favola?”

      E se ti dicessi di sì? Cosa cambia? Evita banalità come queste, pf. Lo so anche io che ci vivo in Svizzera come vivono gli svizzeri. Non ti dico a Zurigo, poi (e non ci sono mica solo la S2000W o gli orti urbani condivisi...).

      Elimina
    2. “La miglior dimostrazione del perche' la politica energetica votata sia farlocca e' data da questo:
      https://www.dropbox.com/s/0eallnkpepdijmi/IMG_20170522_151502.jpg?dl=0
      ... ho fotografato l'articolo di un giornaletto locale ginevrino (rassegna stampa), di commento al voto del giorno prima.”

      Bah. Miglior dimostrazione de che? Rileggere e informarsi, please. Chi grida vittoria è il Governo e il Parlamento. Che, come ti dicevo, non è composto in prevalenza da sinistroidi etc etc etc. E i cittadini svizzeri che hanno votato sì.

      https://www.admin.ch/gov/it/pagina-iniziale/consiglio-federale/il-sistema-politico-della-svizzera/governo-svizzero.html
      https://www.energiestrategie-ja.ch/it/

      “E chi e' che, come te, grida vittoria?
      La deputata verde... se googli il suo nome scopri che e' laureata in filosofia, e' co-presidente dei verdi svizzeri assieme ad un'altra donna che, guarda caso!... e' pure lei laureata in materie umanistiche... che dire?... fatevi pure del male, seguite i consigli di "esperti" come questi... se c'e chi paga 850 Euro per ascoltare il "climatologo" Obama discettare di clima... perche' non credere a queste due gratis?”

      Logica, questa sconosciuta. O fallacia, questa amica dalle lunghe dita. Rileggere sopra, plz.

      “In altre epoche c'erano pece e piume... adesso gli si da i "like" su Twitter... o tempora o mores... ma che mores de m...a!”

      Già. In altre epoche valeva anche questa massima:
      «You are not entitled to your opinion. You are entitled to your informed opinion. No one is entitled to be ignorant.»
      Oggi, a quanto pare, non più.

      "Al tempo stesso, gli stessi "verdi" si oppongono a progetti veramente verdi, come questo...
      https://www.dropbox.com/s/q8x0ao4lea0icf6/IMG_20170406_101214.jpg?dl=0
      ... stesso paese, la svizzera... ma non dicevi, poco sopra che...
      "Con questa strategia verrà abbandonato gradualmente il nucleare a favore dello sfruttamento sistematico dei potenziali di miglioramento dell'efficienza energetica esistenti (e della riduzione del consumo) e quelli offerti dall'energia idrica e dalle nuove energie rinnovabili (energia solare, eolica, geotermia, biomassa)".

      Yep. E confermo quanto ho scritto.

      “Steph, ascolta zio robbe': la produzione elettrica da nucleare, baseload, sara' in stragrande maggioranza sostituita da "sano" carbone e lignite tedesche, e importata. Le rinnovabili intermittenti sono piu' farlocche dei modellini di Gavino il Matematico, o l'hockeyshticker Mann, non l'hai capito ancora?”

      Se lo dici tu, allora siamo tutti più sicuri, compresi gavino e michelone.

      “Da paese esportatore di elettricita', e con grossi margini... ve la compra soprattutto il vicino antinucleare italiano... che ganzi, eh!... diventerete anche voi importatori netti.
      Ovviamente, essendo uno dei paesi piu' ricchi del pianeta potrete farlo... potreste soddisfare la vostra fame a colpi di scatolette di caviale beluga... ma da questo a brindare come se fosse la soluzione per il resto del pianeta... "il futuro tracciato"... ma dai!... basta fare due conti... ma non farlocchi. :-)”

      Se ce li fai tu, i conti in tasca nostra, allora stiamo tutti più tranquilli. Intanto:

      http://www.ticinonews.ch/ospiti-blog/375955/bruno-storni-una-montagna-di-palle-eoliche
      https://www.swissinfo.ch/ita/strategia-energetica-2050_-le-tecnologie-ci-sono--ora-ci-vuole-il-mercato-/43204682
      http://www.pressreader.com/switzerland/laregione/20161001/281522225581341

      Ciao zio.

      Elimina
  3. Scusa... un'ultima cosa:

    "E che la costruzione del futuro abbia inizio..."

    .... fottovoltaico in Svizzera???? I beg your pardon???

    E tu vorresti esser preso sul serio? Ma dai!

    Pannelli fottovoltaici installati, per di piu', in orizzontale, come nella foto???? Almeno scegline una migliore...
    Ma a-ri-dai!

    Nella vicina e molto piu' soleggiata italia hanno speso 72 miliardi di Euro per generare 28 TWh/anno

    http://www.qualenergia.it/articoli/20170526-fotovoltaico-errori-passato-possibili-rimedi-impianto-piccolo-ben-fatto

    "negli ultimi sei anni hanno di investito circa 80 miliardi di euro in impianti idroelettrici, geotermici, a biomasse e biogas, eolici e fotovoltaici.

    In particolare, queste due ultime tecnologie hanno implicato il 90% degli investimenti, aggiungendo quasi 22.000 MW di capacità e 28 TWh/anno di producibilità"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. http://www.bfe.admin.ch/php/modules/publikationen/stream.php?extlang=fr&name=fr_6593526.PDF&endung=La%20recherche%20a%20pr%E9par%E9%20le%20terrain%20pour%20l%27%E9nergie%20photovolta%EFque

      Elimina
    2. https://www.bloomberg.com/news/articles/2017-06-15/solar-power-will-kill-coal-sooner-than-you-think

      Elimina
  4. Ultimo!... giuro! :-)

    "Ma, si sa: è molto difficile fare previsioni, specialmente riguardo al futuro."

    Beh... lo sai che non e' per nulla difficile... basta chiedere a Gavino il Modellista.. lui conosce il futuro dell'intero pianeta fino al 2100... and beyond... e se non mi credi...

    http://climafluttuante.blogspot.fr/2017/05/per-fortuna-che-son-farlocchi.html

    RispondiElimina
  5. 'E i cittadini svizzeri che hanno votato sì.'

    ... intendi il 58.2% del 42.3% che ha votato, Steph?
    Do the math.
    Meno di 1 su 4.
    Solo 1/4 del consenso fra climatologi sul globbal uormin' assassino... vi tocchera' chiamare John Cook per abbellire i numeri e poter far sembrare il voto un landslide epocale.

    RispondiElimina
  6. "intendi il 58.2% del 42.3% che ha votato, Steph? Do the math. Meno di 1 su 4."

    Si chiama democrazia, babe. Do you remember? Fattene una ragione.

    "Solo 1/4 del consenso fra climatologi sul globbal uormin' assassino.."

    Sei fuori tema come un balcone, babe.

    RispondiElimina
  7. 'Si chiama democrazia, babe. Do you remember? Fattene una ragione.'

    Nessun problema a farmi una ragione... accetto il responso popolare, ovviamente... ma fattela anche tu... accetta il responso matematico.
    Babe saluta crybaby... cheerio.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Il clima scatena la guerra

Vendicati i "modellini farlocchi"

Clima più estremo? III — Heatwaves, feedbacks