Fratture e spedizioni antartiche

5 campi da calcio al giorno!

Quasi 30 km negli ultimi due mesi: è questa l'impressionante velocità con cui da dicembre si sta allungando l'enorme crepa della Larsen C, quarta più grande piattaforma glaciale antartica. 


L'immagine in time-lapse mostra la spaccatura che si allarga progressivamente da fine 2014 al gennaio di quest'anno.

È ormai vicina ad una rottura completa. La frattura ha accelerato durante l'estate australe in una zona già molto vulnerabile al riscaldamento termico. Da dicembre, la fessura è cresciuta dalla lunghezza di circa cinque campi di calcio al giorno.




La crepa nel Larsen C raggiunge ora più di 160 km di lunghezza, e in alcune parti la larghezza supera i 3 km. La punta della spaccatura è attualmente a soli circa 30 km dall'altra estremità della piattaforma di ghiaccio. Una volta che la crepa si sarà fatta strada attraverso la piattaforma di ghiaccio, la rottura creerà uno dei più grandi iceberg mai registrati, secondo il Progetto Midas, un gruppo di ricerca che ha tenuto sotto controllo la frattura negli ultimi 3 anni. A causa della quantità di stress che la crepa è in grado di immettere sui rimanenti 30 km della piattaforma, il team si aspetta che rottura avvenga presto, ben prima del previsto.



«L'iceberg è probabile che si liberi entro i prossimi mesi», ha dichiarato Adrian J. Luckman della Swansea University in Galles, ricercatore capo del Progetto Midas. «La punta della spaccatura si è spostata da una regione connotata dalla presenza di probabile ghiaccio più morbido ad un altra, il che spiega il suo progresso graduale».


Le piattaforme di ghiaccio, che si formano attraverso il deflusso dai ghiacciai, galleggiano nell'acqua e forniscono un supporto strutturale ai ghiacciai che poggiano sulla terraferma. Quando una piattaforma di ghiaccio crolla, i ghiacciai dietro di essa possono accelerare verso l'oceano. Anche le temperature più elevate nella regione stanno contribuendo a promuovere il ritiro della piattaforma di ghiaccio.

Se la piattaforma di ghiaccio si romperà attraverso la frattura, Larsen C avrà le più piccole dimensioni mai registrate. Il fronte del ghiaccio si troverebbe così molto più vicino alla arco di compressione della piattaforma di ghiaccio, una linea che gli scienziati dicono sia fondamentale per il sostegno strutturale. Se i ritiri del fronte superano quella linea, la parte più settentrionale della piattaforma potrebbe crollare in pochi mesi. Così, potrebbe anche cambiare in modo significativo il paesaggio dell'intera penisola antartica.

«A quel momento, i ghiacciai reagirebbero», spiega Eric J. Rignot, glaciologo del Jet Propulsion Laboratory della NASA. «Se la piattaforma di ghiaccio si rompe, rimuoverà una forza che andrà ad addossarsi sui ghiacciai che scorrono in essa. I ghiacciai sentiranno meno resistenza al flusso e sarà come rimuovere efficacemente un tappo di fronte a loro».


La crepa nella piattaforma Larsen C è profonda mezzo km, fino al piano della piattaforma di ghiaccio.


Secondo  Rignot, la stabilità di tutta la banchisa è minacciata: «Hai queste due ancore sul lato di Larsen C che svolgono un ruolo fondamentale nel tenere la piattaforma di ghiaccio dove si trova. Se la piattaforma si assottiglia sempre di più, sarà più fragile e perderà il contatto con gli accumuli di ghiaccio.»



Gli accumuli di ghiaccio sono isole coperte dalla piattaforma di ghiaccio, in modo tale da fornire un maggior sostegno al ripiano. Gli scienziati devono ancora determinare l'entità del diradamento intorno agli accumuli di ghiaccio Bawden e Gipps, anche se Rignot ha osservato che l'accumulo di ghiaccio Bawden è un'àncora più vulnerabile. «Se togli Bawden, l'intera piattaforma lo sentirà.»

Le piattaforme di ghiaccio Larsen A e B si sono disintegrate nel 1995 risp. nel 2002, anche se entrambe erano drasticamente più piccole di Larsen C. Tuttavia, nessuna delle due ha contribuito in modo significativo alla crescita globale del livello del mare perché galleggiavano già sopra l'acqua, e i ghiacciai dietro di loro non contenevano un sostanziale volume di ghiaccio.
Secondo  Rignot, il crollo di Larsen C aggiungerebbe solo una piccola quantità di acqua al livello globale del mare. Di maggiore interesse per gli scienziati è come il crollo delle piattaforme di ghiaccio può influenzare i ghiacciai che scorrono dietro di loro, perché la fusione di questi ghiacciai può causare un aumento del livello degli oceani molto più importante.
Gli scienziati vedono il crollo imminente di Larsen C come un avvertimento o un segnale della vulnerabilità di quantitativi molto più grandi di ghiaccio in Antartide occidentale.

/\/\/\/\/\/\/\/\/\/\/\/\/\/\/\/\/\/\/\/\/\/\/\/\/\/\/\/\/\/\/\/\/\/\/\/\/\/\/\/\/\/\/\/\/\

Nell’Antartico con targa svizzera




È salpata lo scorso dicembre dal Sudafrica la spedizione che effettuerà la prima circumnavigazione dell’Antartico, a bordo di una imbarcazione scientifica – l’Akademic Treshnikov (v. foto sotto) – su progetto dello Swiss Polar Institute (SPI). Farà il giro del grande continente ghiacciato, con 120 ricercatori di 18 Paesi. Scopo del viaggio, che durerà tre mesi e toccherà una dozzina di isole, è la raccolta di dati che dovrebbero contribuire a meglio comprendere l’impatto dei cambiamenti climatici nell’Oceano australe.


Questa impresa è il primo progetto dello SPI, promosso e sostenuto logisticamente da Frederik Paulsen, imprenditore e filantropo, che ha all’attivo una vasta esperienza in materia di esplorazione nell’Artico. Alla spedizione è associata anche Presenza svizzera.
L’oceano australe svolge un ruolo centrale nella regolazione del clima del nostro pianeta. Vi sono correnti marine di acqua ghiacciata che in profondità vanno dai poli verso l’equatore, mentre all’inverso acqua e aria calda sono spinte in superficie verso le regioni fredde. Si tratta di un movimento che contribuisce in maniera significativa al ciclo del carbonio e allo stoccaggio di CO2 negli Oceani.
«I poli sono anche le regioni dove si registrano le maggiori differenze di temperatura», rileva Philippe Gillet, vicepresidente dell'EPFL e direttore ad interim dello SPI.

Nel corso di questo viaggio saranno realizzati 22 progetti di ricerca, elaborati da studiosi svizzeri, britannici, francesi, australiani. Sono stati selezionati da un comitato di esperti internazionali e concernono: glaciologia, climatologia, biologia e oceanografia. Saranno studiati, tra l’altro, la formazione delle onde, la variazione geografica della quantità di plancton, lo scambio chimico tra aria e acqua, la biodiversità sulle isole, la capacità dei fondali marini di immagazzinare CO2, l’inquinamento di microplastiche e il loro impatto su fauna e popolazione di balene.
In concomitanza con questo viaggio è stata istituita una cattedra intitolata «Ingvar Kamprad Chair of Extreme Environments» e sostenuta dalla società Ferring Pharmaceuticals. Tale cattedra si inserisce nell’antenna che il Poli di Losanna ha a Sion (VS), specializzata in tematiche legate ad ambienti alpini ed estremi.

Il rientro a Città del Capo è previsto per il 19 marzo 2017. A settembre verrà presentato un primo bilancio nel corso di un simposio in Vallese.
Creato in aprile, lo SPI è un consorzio di università elvetiche, fondato da EPFL, Istituto federale di ricerca su foreste, neve e paesaggio, ETHZ, Università di Berna ed edizioni Paulsen.





QUI si può ascoltare un'intervista andata in onda in questi giorni alla Radio Svizzera Italiana a Alessandro Toffoli, ricercatore all'Università di Melbourne esperto di onde, uno degli scienziati della spedizione a bordo dell'Akademic Treshnikov mentre attraversa il Mare di Ross nel cuore della seconda tappa e con direzione Punta Arenas.

QUI, invece, si può seguire la spedizione sul blog del giornalista scientifico svizzero francese Bastien Confino, anche lui a bordo.

Commenti

  1. Che dire?
    Magari e' un altro caso come questo?...

    "Writing in the journal Geophysical Research Letters, Shujie Wang, a glaciologist at the University of Cincinnati, and her colleagues said: 'This allowed us to extend the ice velocity records of Larsen Ice Shelf back into 1960s ~ 1970s for the first time.
    'The retrospective analysis revealed that acceleration of the collapsed Larsen B occurred much earlier than previously thought.'"

    ... anche allora Larsen B era, secondo gli esperti glaciologhi, stato stabile per almeno 12 mila anni.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Il clima scatena la guerra

Vendicati i "modellini farlocchi"

Clima più estremo? III — Heatwaves, feedbacks