Meglio tardi che mai?

Questo il motto che potrebbe aver spinto anche Obama - in vista dei negoziati per un trattato internazionale per la riduzione dei gas a effetto serra in programma a fine anno a Parigi - a varare un piano concreto e innovativo (per gli USA) di lotta ai cambiamenti climatici (pur con tutti i lagtimes del caso...), sancito negli impegni che il governo statunitense si assumerà per ridurre entro il 2030 le emissioni di CO2 del 32% rispetto a quelle del 2005, attraverso il piano energia pulita.




Il provvedimento conterrà la versione definitiva, e più incisiva, delle regole annunciate dall’Agenzia federale per la protezione dell’ambiente (Epa) nel 2012 e nel 2014. A ogni stato sarà richiesto di ridurre le emissioni degli impianti a carbone e di avviare riforme che cambieranno in maniera drastica il modo in cui l’elettricità arriva nelle case di milioni di cittadini statunitensi (il 40% dell’energia elettrica consumata nel paese è ancora prodotta nelle centrali termoelettriche alimentate a carbone). Il primo tra gli obiettivi fissati, infatti, sarà quello di ridurre l’inquinamento provocato dalle centrali a carbone del 32% entro il 2030 rispetto ai livelli del 2005. L’amministrazione statunitense punta poi ad accelerare il passaggio alle fonti di energia rinnovabili, da cui entro il 2030 dovrà dipendere il 28% (e non più il 22 come nei piani precedenti) del totale dell’energia prodotta negli Stati Uniti.

Insomma: meglio tardi che mai, anche se..."time is not on our side", no it isn't... [la canzone è uscita quando già da Smagorinsky al GFDL lavoravano quei mostri di Suki Manabe e Kirk Bryan...]

Commenti

  1. Meglio tardi che mai, "but time is not on our side"...

    RispondiElimina
  2. Parole, sono solo parole. Un classico specchietto per le allodole

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Il clima scatena la guerra

Vendicati i "modellini farlocchi"

Clima più estremo? III — Heatwaves, feedbacks