Cresce "Scala Mercalli"

Mentre continua l'aggiornamento grafico e sintetico dei punti essenziali delle puntate nel post dedicato, ecco una buona notizia relativa alla crescita dello share. Come già dicevo in questo commento sul blog di Bardi e qui su climalteranti.



É un ottimo risultato per l’informazione ambientale l’aumento di share della trasmissione Scala Mercalli – condotta e ideata da Luca Mercalli, membro del Comitato Scientifico di FIMA - salita in una settimana dal 4,97% al 5,33%“, spiega Mario Salomone, presidente della la Federazione Italiana dei Media Ambientali. Si tratta di una tendenza opposta a quella che di solito vede il picco alla prima puntata e una discesa a quelle successive, cosa che ratifica l’esigenza da parte degli italiani di un’informazione ambientale che vada oltre la denuncia, ma che coniughi l’informazione sui fenomeni ambientali alle soluzioni per un futuro sostenibile. Scala Mercalli se l’è cavata benissimo anche a confronto con trasmissioni più blasonate quali Ballarò e diMartedì che hanno fatto la settimana scorsa rispettivamente, il 6,45% e il 6,10% e ha battuto Servizio Pubblico, che giovedì scorso aveva in collegamento Roberto Saviano e ha fatto uno share del 4,36%. L’aumento di share ha portato gli spettatori da 1.145 milioni a 1.209 milioni, con un guadagno netto di 64.000 spettatori i quali hanno trovato l’ecologia e l’ambiente più “appetibili” rispetto ad altre proposte che pure il sabato sera non mancano. E si tratta di un risultato che ha finalmente spazzato la convinzione di molti “addetti ai lavori” che da tempo sostengono l’impossibilità di comunicare in maniera efficace e autorevole le tematiche ambientali in televisione. “Questo fenomeno è un sintomo evidente di quanto manchi in prima serata e in televisione l’informazione ambientale, scientificamente coerente e al contempo appetibile al grande pubblico e di come gli spettatori siano disponibili, come noi di FIMA ripetiamo da tempo, a “imparare ad accogliere” argomenti complessi, cosa quindi che non giustifica la logica del continuo ribasso del livello dei contenuti “perchè il pubblico non capisce”“, aggiunge Marco Fratoddi, segretario generale di FIMA.

Commenti

  1. Visto questa clip del programma della Costamagna su Agon Channel? C'è una sorpresa di Sallusti alla Santanché... http://www.agonchannel.it/video/lei-non-sa-chi-sono-io-la-santanche-e-lospite-inatteso/

    RispondiElimina
  2. uno dei pochi casi in cui la 'crescita' è cosa positiva :)
    Un saluto a te e Mercalli.
    stefano

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Vendicati i "modellini farlocchi"

Clima più estremo? III — Heatwaves, feedbacks

Il 2016 in Svizzera