Un post speciale - nel giorno delle donne - dedicato ad alcune figure femminili che operano attualmente nel panorama della ricerca climatologica a livello mondiale.
Un post sottoforma di quiz e mimose speciali a tutte.

Cinque personaggi in cerca di un' attribuzione di identità. Quattro di sostanza e uno più di forma. Solo frammenti di informazioni per trovare la soluzione. Fate voi.



♀1. Una delle più importanti ricercatrici nell'ambito della detection & attribution sul climate change, attiva in molti ambiti collaterali (dalla circolazione atmosferica tropicale all'amplificazione artica, dalla variazione delle SST oceaniche alle simulazioni dell'incremento del livello dei mari) ma expertise nell'analisi diagnostica della variazione osservata del clima nel sistema accoppiato oceano-atmosfera e nella simulazione del mutamento climatico futuro. Predilezione recente nella detenzione della variabilità libera e interna del sistema climatico risp. di quella forzata dal punto di vista termodinamico e dinamico, fattori che sono oggi  il suo vero e proprio pane quotidiano. Mimose speciali per lei.

♀2. Expertise da tempo nella fisica delle nubi e nell'interazione fra aerosol e nuclei di condensazione. Al punto che è conosciuta, da queste parti, come la "donna delle nuvole" :-D
In generale, lavora nell'ambito degli effetti indiretti degli aerosol sul clima e della variazione delle nubi nel sistema climatico, dimming e brightening così come feedback delle nuvole sono il suo pane quotidiano. Mimose profumatissime per lei.

♀3. La contraddizione e la provocazione sembrano essere, negli ultimi tempi, il suo vero e proprio pane quotidiano, nell'ambito sia della detenzione che dell'attribuzione. Forse lo fa per rendersi costantemente presente e far parlare di sé? È infatti attiva in svariati ambiti (fra i quali non possiamo non ricordare il riscaldamento antartico e l'estensione dei suoi ghiacci marini) anche se non si capisce bene in quali trovi il tempo (soprattutto, perché sembrerebbe spenderlo altrove a fare altro) e la motivazione per poter/voler approfondire. Mimose appassite per lei.

♀4. I suoi lavori portano spesso inquietudine circa il presente e il prossimo futuro delle estati delle zone poste a media latitudine, come l'Europa. Approfondimenti molto interessanti circa le dinamiche interne e i feedback del ciclo dell'acqua associati ad effetti "di memoria" sui pattern di circolazione e all'induzione termodinamica che ne consegue. Evaporazione e flussi di acqua in atmosfera, interazioni fra superfici continentali, vegetazione e clima così come siccità e heatwaves sono i suoi croissant mattutini. Mimose coloratissime per lei.

♀5. La "sorella" concettuale della prima ospite. "Compete" con lei in fatto di pubblicazioni e di ambiti analizzati e simulati, pur se di formazione è chimica e il suo vero expertise è la chimica dell'atmosfera. Fu la prima donna a suggerire la connessione fra il ruolo dei CFC e l'assottigliamento dell'ozono stratosferico antartico. Ha una certa predilezione per l'analisi di certi feedback veloci meno popolari ma assai insidiosi, che coinvolgono i vari strati dell'atmosfera. Anche per lei, detection e attribution sono pane quotidiano. È stata attaccata e messa spesso al pubblico ludibrio nel panorama forumistico e bloggistico terrapiattista in occasione dell'uscita dell'AR4, perché ne era una main authoress e forse anche perché di sesso femminile. Mimose abbondanti per lei.

Chi sono le 5?

Update 9/3: quasi 24 ore dopo, la perseveranza e la perspicacia di ocasapiens han fornito la soluzione al quiz delle mimose. Come detto ieri, invece di 5 sarebbero anche potute essere 50. Vedremo di ripetere il quiz l'8 marzo del prossimo anno.
E quindi:

1. Clara Deser
2. Ulrike Lohmann
3. Judith Curry
4. Sonia Seneviratne
5. Susan Solomon

Commenti

  1. 1. Le Quéré
    2. Mahowald
    3. Curry
    4. Seneviratne (?)
    5. Susan Solomon

    RispondiElimina
  2. 3 su 5, non male ;-)
    Sbagliate le prime 2, eh, eh ,eh...

    RispondiElimina
  3. La prima è americana (Senior Scientist), la seconda svizzera (è qui all'ETH). Play it again!

    RispondiElimina
  4. 1. Perché Le Quéré non va bene? Va bé, se sta a Boulder e ha fatto molta paleoclimatologia, la Otto-Bliesner
    2. Ulrike - aie, les neurones - Kaufmann?

    RispondiElimina
  5. 1. tsk tsk...Corinne andrebbe bene, ma non è a lei che alludevo, e neppure a Gaby Hegerl. Certo che invece di 5 ne potevo menzionare 50...
    Sta a Boulder ma non ha fatto molta paleo, altrimenti Bette (per tacere di Valérie) sarebbe stata una delle scelte.
    Ti dò due indizi in più: è CA dei cap. 9 e 14 del WG1 dell'ultimo AR5; ha avuto John Mike Wallace come advisor al suo Ph.D. Considerando la natura di questo blog, la scelta era abbastanza logica. Riprova.

    2. Ulrike Lohmann.

    RispondiElimina
  6. Ahm dovrei anche aggiungere che fra la 1 e la 5 c sono comunque diversi anni di differenza Quando la 1 otteneva il B.S. , la Solomon aveva appena ottenuto il Ph.D...

    RispondiElimina
  7. con tutti questi aiuti se non è Clara Deser hai anticipato il pesce d'aprile

    RispondiElimina
  8. Troppo presto per un pesce d'aprile anticipato: è proprio la Deser!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Vendicati i "modellini farlocchi"

Clima più estremo? III — Heatwaves, feedbacks

SYS 64738