Hello Amorica


Mentre gli americani stanno per rieleggere #Obama sul filo di lana, alla testa della nazione, c'è fermento nel mondo scientifico (e non solo) che si occupa di climate change made in USA (qui le ultime notizie) per l'ultimo rapporto della Munich Re dedicato alle catastrofi naturali, la cui categoria meteorologica (incentrata sugli estremi climatici: tempeste, cicloni tropicali, inondazioni, ondate di calore, siccità) in nessun posto come in Nordamerica pare abbia così tanto colpito negli ultimi decenni, nonostante la catastrofe naturale meteorologica finora più costosa sia avvenuta in altro continente essendo stata la mega-alluvione thailandese dell'autunno 2011 (danni per quasi 50 miliardi di US$!).
#Sandy non ha fatto altro che alimentarlo, questo fermento.



E qui alcuni interessanti grafici rielaborati da tamino a partire dall'originale (il primo sopra).



Riposto un video già noto, a tal proposito e a fine post anche qualche immagine tratta dallo speech di Peter HöppeHead Geo Risks Research/Corporate Climate Centre alla Munich Re, a cui ho assistito di recente (vedi dopo e vedi anche secondo video).





Il rapporto completo è ottenibile via registrazione al sito, magari nel caso (remoto) che #Romney ce la facesse la compagnia lo metterà gratis e senza vincoli di registrazione sul suo dito a mo' di diffusione preventiva. Come terapia anti-roncopatia e contro le apnee notturne.
 Anyway: qui c'è l'ex. summ (da cui ho tratto i seguenti grafici).




L'America non sarà un paese per vecchi, ma rimane davvero un posto speciale, in tal senso.
Invece la Munich Re è una delle più grandi compagnie internazionali di riassicurazione: fondata nel 1880, con un premio annuo di riassicurazione pari a 27 miliardi di Euro, è una leader mondiale nella copertura dei rischi da eventi naturali.

Peter Höppe era fra la dozzina di speakers presenti al meeting finale del programma di ricerca climatica NCCR Climate a Berna lo scorso 12 ottobre, dove ha illustrato i principali rischi e delle principali chances associati ai cambiamenti climatici per l'industria assicurativa. Dieci minuti di panoramica generale, seguiti da dieci minuti sulle questioni attuali e in itinere della ricerca climatica. Aggiornatissimo.
Qui, in esclusiva, le slides del suo interessantissimo speech.


Update 11/11: tamino ha un altro aggiornamento; dal quale posto questi tre interessanti e ulteriori grafici:



...guess the source...

Commenti

Post popolari in questo blog

Il clima scatena la guerra

Vendicati i "modellini farlocchi"

Clima più estremo? III — Heatwaves, feedbacks