USA vs Cina almeno 3 a 1

fonte
(...) si chiama Global Warming, non America warming. La Cina ha sorpassato da tempo l’America nel primato sulle emissioni (...).
Parole pronunciate da uno dei due candidati alle prossime presidenziali americane (guess who...) a proposito della problematica dei cambiamenti climatici e delle soluzioni da adottare. Belle parole convincenti, benpensanti, politically corrected, intrise di pragmatismo e buonsenso populista.

Dunque, la Cina avrebbe sorpassato gli USA nelle emissioni di CO2 e, per estensione, il warming sarebbe adesso planetario e non più solo di origine americano/occidentale. Chi inquina, paghi, e che cavolo. E siccome inquinano tutti e oggi i cinesi in primis, lasciamo ad altri l'incombenza primaria e prioritaria.

Già. Peccato però che per ogni americano che ogni giorno si pappa due barili di petrolio, cinque bombole di gas e uno stock di carbone ci siano quasi cinque cinesi che si dividono il barile, la bombola e quasi quattro stock (vedi qui).

Come a dire:

USA vs Cina 9 a 1 per il petrolio,










23 a 1 per il gas,










e 1.2 a 1 per il carbone.








Ergo: USA vs Cina 11 a 1 per il consumo di combustibili fossili.

E nelle emissioni pro-crapa, tenendo debitamente conto del peso dei diversi combustibili nella produzione di CO2, questo si vede chiaramente e diventa grossomodo un 3 a 1.



A meno di volerlo negare. Ma d'altronde, da quelle parti siamo in piena campagna elettorale. E l'agenda deve seguire il diktat ideologico, non i fatti. Soprattutto quella di colui il quale viene apprezzato per avere un approccio assai più pragmatico che propagandistico. Amen.

Commenti

  1. @steph
    guarda che il mondo funziona così. Contano prevalentemente gli interessi economici nazionali e di lobbies.
    Ed è questa una delle ragioni per la quale gli allarmi degli scienziati sul costo GLOBALE dell'AGW non ottengono i risultati sperati.
    Non ho ancora visto uno studio che ipotizzi - a causa dell'AGW - un costo economico pro-capite importante nei prox 10 anni a carico dei ricchi americani.
    (10 anni = max orizzonte temporale elettoralmente parlando).
    Il resto, sempre elettoralmente parlando, é fuffa.
    Ne riparlerem

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, lo so bene, eccome che lo so bene. La ragion elettorale innanzi tutto...

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Il clima scatena la guerra

Vendicati i "modellini farlocchi"

Clima più estremo? III — Heatwaves, feedbacks