Downgrades


Recessione atmosferica protratta da quasi 5 anni, nonostante l'effimera fase a cavallo fra il 2009 e il 2010.





Dal sito Calculated Risk si può scaricare il primo grafico sopra, che confronta per gli USA la variazione dell'occupazione nelle recessioni del secondo dopoguerra. Il grafico indicizza l'occupazione al picco, non al minimo.
Dal sito di Klaus Wolter @ NOAA dedicato all'indice multivariato dell'ENSO (MEI) si può scaricare il secondo grafico sopra, che confronta l'andamento tri-annuale delle sei Nine più intense dal secondo dopoguerra. Il grafico indicizza il MEI, che tiene conto non solo delle SST bensì pure della pressione atmosferica al suolo, delle componenti zonali e meridionali dei venti di superficie, della temperatura superficiale dell'aria e della frazione di nuvolosità totale dei cieli pacifici.
Tenere conto che mancano, nel grafico, le Nine del 1998-2001 e del 2007-2009, non avendo raggiunto il picco di anomalia richiesto nella classificazione MEI (primo caso) e/o divenendo forte troppo prematuramente nell'anno di calendario (entrambe).

Aggiungo, per completare il tutto e stimolare ulteriori riflessioni, il grafico che mostra l'andamento dell'oscillazione australe (SOI), fortemente (anti)correlata all'ENSO, essendo, del Nino o della Nina (EN), la variante atmosferica (SO).

Commenti

  1. Neanche la metà, poveri Mazzarella et al., forse riprovando con una monetina...

    Scusa, ma il trend della Nina che cala e l'Enso causa il GW, l'hai nascosto col Mike's trick?

    RispondiElimina
  2. Mazzarella et al.: cvd

    Mike's trick: obv

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Il clima scatena la guerra

Vendicati i "modellini farlocchi"

Clima più estremo? III — Heatwaves, feedbacks