venerdì 23 settembre 2011

American idiot

Due video, due personaggi tosti, Bill & Naomi. Due speeches interessanti, lontani nello spazio e nel tempo ma interconnessi e su un argomento decisamente ancora in auge.

Bill è Clinton. L'altro ieri. Sempre meglio (h/t il lagomorfo).





Vi metto anche un quote (h/t MT), perfettamente in ossimoro con questa opera.
If you're an American, the best thing you can do is make it unacceptable to be a climate change denier. We look like a joke, right? You can't win the nomination of one of our major parties if you admit that the scientists are right.


Naomi, invece, è Oreskes. Al suo meglio.
Al recente meeting ClimateForum tenutosi giovedì scorso a Thun, vicino a Berna.


Clicca qui e seleziona il nono video. Ci sono anche le slides del suo speech.

3 commenti:

  1. Segnalo che il video di Noemi non si carica! (almeno sul mio mac)

    Ne approfitto:

    Model-based evidence of deep-ocean heat uptake during surface-temperature hiatus periods
    http://www.nature.com/nclimate/journal/vaop/ncurrent/full/nclimate1229.html

    ma anche:
    http://lescienze.espresso.repubblica.it/articolo/Ci_sono_gli_oceani_dietro_le__pause__del_riscaldamento_globale/1349488

    Per quanto mi riguarda è una vera rivoluzione,
    ma come cade il mito dell'incremento quasi lineare del calore oceanico (e quindi del correlato incremento inossidabile delle t superficiali - vedi gli innumerevoli post statistici di Tamino) proprio ad opera di Trenberth che ammette "hiatus" di 1 (ma anche 2) decadi ?

    Vediamo se ho capito bene (da quel poco che viene descritto nella preview):
    il nuovo studio offrirebbe (forse insieme ad altri - cicli oceanici - composti solfurei in atmosfera ecc.) la spiegazione di un "rallentamento" dell'AGW; è normale dicono Meehl, Fasullo e Trenberth siamo all'interno di uno hiatus determinato dall'assorbimento di calore ad opera delle profondità oceaniche, l'AGW riprenderà più forte al termine dello hiuatus.

    Per quello che posso comprendere, non si potrà più solo guardare ai trend di lungo periodo liquidando il resto come rumore climatico o statistico, in quanto 1 o 2 decadi sono periodi lunghi rispetto alla lunghezza della vita umana, nei quali si possono fare con tranquillità (o non fare) le cose che servono per evitare catastrofi climatiche future.

    Mi sembra che questo, come altri studi, stiano seriamente ipotizzando e modellando una visione dell'AGW a onde, a cicli, più vicina al resto della storia climatologica. E forse, forse, se ho capito bene, la nuova ipotesi ci regala altri 10 anni per concludere una transizione più morbida (e quindi realizzabile) verso le energie pulite.


    Scettici:
    naturalmente gli scettici AGW guardano solo al fatto che Meehl, Fasullo e Trenberth usano modellistica sul calore oceanico invece che dati e che soprattutto chiudono la porta a raffreddamenti duraturi ed era glaciali.
    Basta con l'era glaciale, non la vogliamo più !

    Telegraph Cove

    RispondiElimina
  2. Sto preparando un post dedicato, ma in questo periodo ho poco tempo per approfondire. Cmq qualcosa avevo già scritto nel post "Nascondino". Anyway: deduzioni interessanti e mi pare appropriate, le tue.
    Vediamo se nel frattempo magari interviene anche elz, che mi aveva segnalato il paper quando ancora era un draft. Trenberth, cmq, ne aveva parlato già qui:
    http://www.skepticalscience.com/Tracking_Earths_Energy.html

    Video Naomi: hai provato a cliccare il nono video fra la serie di quelli che compaiono entrando nel sito di ClimateForum? Appare il video e le slides della conferenza. Anch'io uso un Mac, e funziona senza problemi. Mi sembra strano che non ti si carichi...:-/

    RispondiElimina
  3. Ora si carica e va a scatti.
    Problema di banda e non di mac!
    TC

    RispondiElimina