lunedì 23 maggio 2011

Voli pindarici o clownerie?


Mentre a Stoccolma il Memorandum dà il welcome all'Antropocene e chiede
fundamental transformation and innovation in all spheres and at all scales in order to stop and reverse global environmental change.
Mentre il Pentagono da tempo si sta attivando e la macchina militare US entra in guerra contro i Den
US military goes to war with climate sceptics. Political action on climate change may be mired in Congress, but one arm of government at least is acting: the Pentagon.



Mentre anche il Vaticano prende posizione sull'era antropocenica e il papa, nella sua recente videotelefonata con i membri dell'equipaggio della stazione spaziale, fra le varie domande chieste ottiene una risposta di questo calibro da parte di Ron Garan (qui il dialogo trascritto per intero):
On the one hand, we can see how indescribably beautiful the planet that we have been is, but on the other hand, we can really, clearly see how fragile it is. Just the atmosphere, for instance: the atmosphere when viewed from space is paper-thin, and to think that this paper-thin layer is all that separates every living thing from the vacuum of space and is all that protects us, is really a sobering thought.  

Ecco: mentre tutto questo e molto d'altro succede, l'HI (nota azienda di pescicoltura) - in barba al primo principio che anche un bimbo, al primo approccio rudimentale con il linguaggio della scienza, impara: la scoperta di ciò che è provvisoriamente non falso - vuole ripristinare il metodo scientifico perduto (a parer  suo) e riportarlo al centro del villaggio globale globalmente surriscaldato.
Infatti, per fare ciò, l'azienda si affida - oltre che ad amici di merenda - a competentissimi esperti di casa propria, con una propria fede integerrima e zero (o quasi) expertise nel ramo (h/t Scott Mandia) ma sempre pronti ad accusare gli esperti.

Mi ricorda stranamente qualcosa da qualche parte ... qualcuno ha provato con Scholar? :-D

Beh, certo: da chi si chiede se il riscaldamento globale è davvero tale senza pretendere di guardare le temperature, in effetti non possiamo mica pretendere chissà quale domanda.

5 commenti:

  1. D'altronde quello del riscaldamento globale senza temperature è una garanzia: trova geniale Watts Pielke etc, appena beccati in castagna; riassume il programma di ricerca di Hansen, l'originale dice il contrario; vuol distingue proiezioni e previsioni ma crede che i modelli e gli scenari siano la stessa cosa!

    RispondiElimina
  2. ...e posta un grafico taroccato e troncato (chissà come mai...) nel giugno 2008 per mostrare quanto sbagliate siano le proiezioni/previsioni dell'IPCC. Spassosissimo.

    RispondiElimina
  3. "chissà come mai"
    che abbia studiato con Don Easterbrook?

    RispondiElimina
  4. Possibile. Ma lo ritengo improbabile. Sarà anche un grande artista terracavista, ma non credo che Don abbia potuto capire le gags del ten col delle FFAA, un po' come quelle del suo datore di lavoro.
    Hai capito quella dei 15 anni che non sarebbero (per lui) così tanti di meno del...loro doppio? Eh sì che ho anche provato a contarli sull'abaco...

    RispondiElimina
  5. 15 anni: disperazione o un colpo di freddo? Sai qui da un po' c'è il global cooling

    RispondiElimina