Profumo di pascoli dalle terre cave

A metà del XVII secolo, James Ussher, erudito di chiara fama ed esponente della Chiesa anglicana d'Inghilterra e Irlanda, calcolò l'esatta età della Terra e stabilì che essa era stata creata nel 4004 a. C. Tale conclusione era frutto di uno studio accurato e dell'interpretazione puntuale delle genealogie dei patriarchi riportate nella Bibbia. Accettata una tale metodologia, rispettabile perché tradizionale, altri studiosi dell'epoca non poterono far altro che verificare i conti di Ussher, non avendo trovato nessun metodo alternativo per calcolare l'età della Terra. L'anno indicato era giusto, essi dichiararono, ma si poteva essere più precisi: la Terra era stata creata il 26 ottobre del 4004 a. C. alle 9 del mattino! Oggi, nei dipartimenti di geologia di alcune università si festeggia, con ironica deferenza nei confronti di Ussher, il compleanno della Terra il 26 ottobre. J. Douglas MacDougall, Storia della Terra.



Dev'essere una psicopatologia. Che non porta neanche troppo bene.
Prima le perle dei vari CC, GG, CG, GC, MM, QQ, KK etceterà etceterà. Tutte ovviamente debunkizzate sul far delle stesse.
Poi l'autoturfing dell'ingegnere tuttosapiente e basta. E le sue idiozie sulla termodinamica da bar. Ridicolizzate a tutto spiano.
Adesso il "poeta" che spara filippiche away from unit che neanche i Daltons.
Che sia una strategia voluta? Che ci sia dietro una regia evoluta? Mi sembra in linea con una certa escalation manifestata dal cabarettista all'attacco perché nessuno ormai lo lascia più giocare.


I recenti profumi del "poeta" sono davvero esilaranti, come il gas :->
Siccome lui parla
da geologo, da persona che si interessa di cambimenti climatici dal 2007 
per aiutarlo un po' ad approfondire, gli faccio l'auspicio di venire a Zurigo all'ETH a frequentare seminari di aggiornamento sul tema o di iscriversi ad un Master in ScAC (dove, fra l'altro, si può anche abbinare la geologia). Così, rispondevo, la prossima volta potrà parlare con maggior cognizione di quel che scrive.

Ma il "poeta" che fa? Ovvio: attacca l'istituzione (invece che il tema specifico), classica fallacia ad personam alla quale va evidentemente contrapposta una controfallacia pure ad personam.
E allora, vai con il gioco delle perle:
Per quanto riguarda i vari ingegneri che si permettono di entrare nel campo delle scienze della terra e della geologia consiglio loro di seguirsi un corso di laurea intero prima di venire a pontificare.
Pienamente d'accordo con lui. Vedi il caso dell'ing tuttosapiente e basta che la sua centralina ha candidamente ospitato senza guardarsene minimamente dal fare un minimo di peer review con la scusa della scienza democratica per par condicio (per ritornare al cabaret) e anzi: facendo fuggire la vittima di tale scempio (l'autore del blog SoD) e redarguendo il paio di critici di sostanza perché rei di non essersi qualificati con nome, cognome e grado.
Poi però arriva il bello:
L’ETH è una scuola di ingegneri e la geologia che si fa è una geologia prettamente applicata all’ingegneria. La formazione di chi esce da quella facoltà è quella tipica dell ingegnere e del geotecnico.
Uhm...vediamo un po'. Scuola di ingegneri: se il suo modello di rif. come ing. è quello che ha fatto ridere mezza blogosfera, direi che forse effettivamente...
La geologia che si fa (della quale, per altro, io non ne ho accennato, avevo solo detto che nel Master effettuato all'IACETH è possibile combinare qualche corso di geologia, giusto per facilitargli l'eventualità dell'accumulo di crediti) è una geologia di primissimo rango su scala internazionale. Nel programma, vedete un tipo di formazione da ingegnere e da tecnico caratteristico dei Fachidiot? (domanda retorica). Forse non conosce bene la differenza fra scienza dura e pura e scienza applicata, il nostro "poeta".
Indi, e per concludere:
I veri geologi come Argand, Steck, Hunziker per citarne di vicini al suo luogo di lavoro avevano tutto un altro approccio alla materia 
Uhm...vediamo un po'. Argand et alii saranno anche veri geologi, con approcci altri alla materia. Ma per es. questi (uno, due, tre, quattro...) non lo sono stati, veri geologi? E di quale altro approccio alla materia parlerebbe, in questo caso, il nostro "poeta"?

Già che ci siamo, aggiungo - per completezza di informazione  visto che siamo partiti dalla climatologia -  questi due (qui e qui) esempi.


Insomma: l'ETH è proprio una scuolettina di ing. e di tecnici. Senz'altro solo di questi. Gli altri, semmai, non sono veri e hanno tutto un altro approccio alla materia.

Commenti

  1. Infatti CC condivide pienamente quanto asserito dal poeta, il marchio CM è una garanzia.
    Al tuo posto, un po' di insulti pascoliani li avrei riportati, come esempi di poesia moderna...

    RispondiElimina
  2. Gran titolo ed incipit!

    Il figuro comparve in uno dei suoi primi deliri come commento ad un post della Centralina del 14 dic. 2010.
    Lo consiglio: e' un po' il manifesto del mondo distorto in cui vive. Feci un commento sarcastico, ma lui non colse e rispose con un secondo inafferrabile fiume di follia.

    Fossi in lui io avrei piuttosto adottato il nik "cavallina storna"...senza offesa al quadrupede ovviamente

    RispondiElimina
  3. @Steph & Ross
    se viene a sapere che a Boulder il capo delle ricerche su ghiacci e clima è un geologo, il poeta sviene...

    @Steph
    C'è un paper strano su Nature:
    http://www.nature.com/nature/journal/v471/n7336/full/nature09825.html
    Parlando con quelli di EPICA, avevo capito che le temperature ai poli erano collegate da una "cinghia di trasmissione" sud-nord e ritorno, mica il contrario.
    Adesso non capisco più niente (tolta la parte sui cicli di Milankovic). Stato cronico, lo so, ma se un giorno hai tempo e dai un'occhiata...

    RispondiElimina
  4. @Ross
    Va detto che il livello di CM sta migliorando. Oggi a proposito di written history, il ten. col. GG si chiede "scritta dove, nei sedimenti?"

    @steph
    ho letto un paper insolito su Nature
    http://www.nature.com/nature/journal/v471/n7336/full/nature09825.html
    Mette la puce à l'oreille, ma parlando con quelli di EPICA avevo capito che le temperature ai poli erano collegate da una "cinghia di trasmissione" e adesso non capisco più niente (tolta la parte sui cicli di Milankovic, cioè).

    RispondiElimina
  5. Acc.. credevo d'essermi cancellata, chiedo scusa

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Il clima scatena la guerra

Vendicati i "modellini farlocchi"

Clima più estremo? III — Heatwaves, feedbacks