Indian mega-summer

Non di sola globalità soffre il mondo. Un'ondata di caldo estremo ha colpito l'India, e non si sa quando terminerà.


Col caldo estremo non ci si muove

L'ondata di caldo che ha investito l'India e il Pakistan è sicuramente un fenomeno locale, ma il riscaldamento globale non aiuta certo. L'impressione è che l'accentuarsi di questi periodi pian piano arriverà anche da noi, e lo scenario che si profila, fra pochi decenni, ci lascia capire cosa ci aspetta, più delle parole degli scienziati.
Non lamentiamoci per i nostri 28 °C, ma rallegriamoci di non averne 40 (per ora).

Le temperature superano 50°C mentre l'estenuante ondata di calore dell'India entra nella seconda settimana senza che se ne veda la fine.
Le piogge monsoniche sono terminate da diverse settimane, lasciando il posto al calore intenso che manterrà una solida presa sull'India settentrionale, così come sul vicino Pakistan, fino alla metà di giugno.
Il calore ha cominciato a svilupparsi in tutta l'India centrale e settentrionale tra la metà e la fine di maggio e si è intensificato ulteriormente la scorsa settimana, dato che molte località, compresa Nuova Delhi, hanno segnalato le loro temperature più alte dell'anno.
Giovedì, venerdì e sabato sono stati i giorni più caldi di quest'anno nella regione della capitale indiana. Le temperature sono salite giovedì a 46,8 °C all'aeroporto internazionale Indira Gandhi di Nuova Delhi. Venerdì e sabato hanno visto condizioni simili, con un massimo di circa 46 °C in entrambi i giorni. Alte temperature di 42-44 °C sono state segnalate da domenica a mercoledì.
Temperature diffuse fra 42 e 47 °C persisteranno nell'India settentrionale e in Pakistan almeno fino alla prossima settimana. Le temperature possono raggiungere i 50 °C nei luoghi più caldi. Più ad ovest, la temperatura è aumentata a un livello vescicante di 51,1 °C a Jacobabad, Pakistan.


(fonte: Meteosvizzera)

Commenti

Post popolari in questo blog

SYS 64738

Inverni europei sempre più miti