mercoledì 22 marzo 2017

Un quarto di secolo di acqua

Oggi, giornata internazionale dell'acqua, si festeggiano i 25 anni di sensibilizzazione su questo importantissimo tema. Istituita dalle Nazioni Unite nel 1992 con l’obiettivo di sensibilizzare e promuovere azioni concrete per la tutela delle risorse idriche, la giornata di quest'anno ha come tema il waste water. Tecnicamente, con tale termine si indicano i reflui che vengono scaricati nei corsi d’acqua dagli impianti di depurazione civili e industriali; in senso più ampio, invece, ci si riferisce a tutte le acque inquinate che raggiungono quelle superficiali. Vedi anche qui.


Di questo, del senso della giornata e di aspetti collaterali relativi all'oro blu se ne è discusso stamane alla trasmissione della Radio Svizzera Italiana "Millevoci" in compagnia di esperti di questioni idriche e ambientali: Pippo Gianoni, docente e consulente ambientale, Eleonora Bourgoin, dell’Ufficio comunicazione della Città di Lugano per parlare della campagna di sensibilizzazione “L’acqua del rubinetto è buona”, Riccardo Petrella,  professore esperto di fama mondiale in questioni idriche e Francesco Vallerani, professore esperto di fama mondiale in questioni idriche.

QUI si può riascoltare la trasmissione.

Per l'occasione, possono essere riletti tutti i post del blog con il tag "ciclo idrologico" e ho messo in evidenza (a lato) uno dei post dedicati al mutamento del ciclo idrologico in un clima più caldo.



Domani, giornata mondiale dedicata alla meteorologia e che quest'anno ha come tema "capire le nubi", un post speciale proprio sul ruolo dell'acqua condensata (e/o solidificata) nell'atmosfera nei processi radiativi e nel contesto dei cambiamenti climatici.

Nessun commento:

Posta un commento