La congettura di Kornhaus


Questo non è il primo dei 2 o 3 post dedicati al seminario di Berna sul bicentenario del Tambora, anche se ne è in qualche modo legato.
È un gioco nato fra i molti spunti seri e ironici emersi dalla cena di ieri sera alla splendida e barocca Kornhauskeller di Berna (il vecchio granaio da poco più di un secolo trasformato in locale per le feste), fra un bicchiere e l'altro. Una speculazione iniziata per gioco da un paio di scienziati e ora diventata quasi virale fra insider (e non) sull'asse Berna-Zurigo ;-)
Siccome è nata in quell'affascinante posto (forse al Caffè, non ricordo più bene), l'ho chiamata con il suo nome.



Nel 1815, la notizia dell'eruzione ha impiegato mesi a raggiungere l'Europa via mare. Cosa succederebbe se un'eruzione di simile portata e nello stesso luogo avvenisse oggi? 

● In pochi minuti, tale notizia si diffonderebbe a livello globale tramite Internet e social media.

● In poche ore, i satelliti fornirebbero le prime stime di SO2 e emissioni di cenere vulcanica e la quota raggiunta dal pennacchio.

● Entro 1-2 giorni, la completa estensione verticale del pennacchio di di SO2 sarebbe mappata.

● In possesso di queste informazioni, i modelli climatici sarebbero in grado di prevedere i possibili impatti climatici.

● Si aprirebbero, allora, scenari i più disparati: sul breve termine, fioccherebbero come neve a gennaio sul Koma Kulshan gli outlook di inverni glaciali nell'x regione e di inverni insolitamente miti nell'y regione a causa della modifica del gradiente termico meridiano in bassa strato e del conseguente pattern AO/NAO+. 
E già si profilerebbero allarmi di preventive catastrofi turistiche per il successivo nuovo anno senza estate.

● Sul medio termine, la fine (provvisoria) del GW e il revival dell'ormai quasi defunta "pausa" (semmai sia mai esistita). Da abbinare al global cooling da sciarpe e cappelli finalmente confermato (ho aggiunto io...).

● Sul lungo c'è poco da scommettere, ovviamente.

● E dunque: speculazioni a gogo sui prezzi delle commodities, resilienza socio-economica e agro-alimentare messa a prova di shock.

● E poi, nel frattempo: il traffico aereo nel sud est asiatico risulterebbe gravemente perturbato, con effetti a catena in tutto il mondo. Ciò sarebbe anche in grado di ostacolare i soccorsi...

● ................ (abbinare quel che si ritiene di abbinare, se si vuole)..............


Berna nel 1819, dipinto di Gabriel Lory

Oberland bernese nel 1816, dipinto di J.A. Koch

La Kornhauskeller nel 1898

Commenti

  1. Sul cambiamento dei monsoni negli anni successivi cosa vi siete detti? E negli ultimi millenni la Ring of Fire si sta affievolendo o no? E tra un bicchiere e l'altro di che cosa?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quante domande!
      Sulla Ring of Fire, ero distratto, ma ti rimando all'abstract che inserirò nel post.
      Sui monsoni, vedi prossimo post, ma nessuna grossa novità. come sai già le grandi eruzioni vulcaniche a bassa latitudine inibiscono la forza dei monsoni negli anni successivi. In questo ambito e in ordine a risposte temporali e spaziali del monsone asiatico, ci sono parecchie consistenze fra modelli e ricostruzioni in caso di eruzioni tropicali avvenute nell'emisfero nord e invece più incongruenze per quel che concerne gli eventi avvenuti nell'emisfero sud.
      Bicchiere: mi pare fosse, fra gli altri, un ottimo Gevrey-Chambertin, ma non ti so più dire di quale cru, climat, produttore e anno...

      Elimina
  2. Bella la Kornahauskeller! Sembra il "Bar sotto il mare"di Stefano (steph) Benni. Un saluto Carlo.

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Il clima scatena la guerra

Vendicati i "modellini farlocchi"

Clima più estremo? III — Heatwaves, feedbacks