400 di questi ppm


Ci siamo. Attendiamo l'ultimo, definitivo cinguettio, probabilmente assordante dalla primavera del prossimo anno, dopo l'urlo di giovedì scorso.




Hansen si illudeva che l'auspicio di rimanere sotto i 350 potesse in qualche modo iniziare qualcosa. Invano.

Stiamo entrando in un mondo che non abbiamo mai conosciuto, come specie.



Stiamo per varcare una soglia simbolica che ci apre a territori sconosciuti e ad un'imbarazzante ipoteca che dovranno saldare (o con il quale dovranno giocoforza convivere) le generazioni future, in qualche modo.

Vivremo e vivranno in un'atmosfera sconosciuta da almeno 4 milioni di anni (nel Pliocene, vedi anche qui), un periodo nel quale la Terra era più calda di 3-5 gradi C rispetto ad oggi, con le regioni polari più calde di valori fino a 10 gradi, la calotta groenlandese quasi del tutto fusa e un livello dei mari di circa 20 metri più alto.
Un'atmosfera sconosciuta forse addirittura da 15 milioni di anni (medio Miocene).

La famigerata finestra sul futuro aperta simbolicamente qui e ora.

Vi scorgiamo un esperimento che continua, tramite il quale stiamo preparando gli ingredienti per avere in futuro un pianeta simile a quello del passato citato. Ad una velocità allucinante.




Commenti

  1. Ma... Tutto questo... In che pianeta???

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vene....opss, uhm....beh....ehm...i don't remeber the name....
      :-D

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Il clima scatena la guerra

Vendicati i "modellini farlocchi"

Clima più estremo? III — Heatwaves, feedbacks