5 patacche

Shame on you, direbbero i terrapiattisti doc, dopo aver consegnato loro delle enormi patacche per il loro ruolo significativo nell'aver smascherato vari miti che alberga(va)no nel solito divertentissimo paese dove le leggi della fisica sono diverse e la logica è un optional. Di chi e di che cosa stiamo parlando?


Di 5 eminenti esponenti dello scetticismo climatico più duro e crudo, quello che facilmente fa rima con il negazionismo; da parte di questo mondo, spesso, detti esponenti sono presi come fonte di ispirazione ideologica per la solita propaganda propugnata con i soliti modus e con i soliti mezzi da centralinisti.
Certo, se poi questi mandano letteralmente a pezzi l'universo ad una dimensione costruito con metodo certosino a Flatlandia, e lo fanno sistematicamente, elemento dopo elemento, è anche comprensibile che alla fine non si possa fare altro che omaggiarli con le suddette patacche.

Nella fattispecie, ecco i 5 eminenti "pataccati" con i relativi miti da loro impunemente fracassati:

Dick Lindzen e l'illusione solare
The notion that climate is one-dimensional—which is to say that it is totally described by some fictitious global mean temperature and some single gross forcing a la increased CO2—is grotesque in its oversimplification. I must reluctantly add that this error is perpetuated by those attempting to ‘explain’ climate with solar variability.

Direttamente dal meeting del Flatland Institute del marzo 2009 a NYC, nel quale Lindzen fece la keynote.


Roger Pielke sr e il freddo party protratto senza sole
This study provides evidence that the climate system responds to perturbation (in this case from volcanic eruptions) that is quite nonlinear as a result of atmospheric-ocean-land interactions. It also illustrates a challenge to skillful modeling on decadal and longer time scales as such volcanic eruptions cannot be predicted.
Ma non erano mica tutti più o meno concordi sul sole debole come main driver della LIA? Forse converrebbe, a 'sto punto, che il buon Roger proponga - part-time - un ripassino di Atm.Phys I e II all'astrosofista Scafetta (menzione speciale per questa sua superba perla da statistico DOCG con expertise olistica nel campo delle geosciences, pescata dal mare di mamma VVatts poco tempo fa...)


mamma Watts e l'isola del calore urbano perduto
Q: So is the United States getting warmer?
A: Yes. We looked at 30-year and 115-year trends, and all groups of stations showed warming trends over those periods.
Q: Has the warming rate been overestimated?
A: The minimum temperature rise appears to have been overestimated, but the maximum temperature rise appears to have been underestimated.
Q: Do the differing trend errors in maximum and minimum temperature matter?
A: They matter quite a bit. Wintertime minimum temperatures help determine plant hardiness, for example, and summertime minimum temperatures are very important for heat wave mortality. Some of us have concluded and published that maximum temperature trends are the best indicator of temperature changes in the rest of the atmosphere, since minimum temperature trends are much more a function of height near the ground and are of less value in diagnosing heat changes higher in the atmosphere.
Q: What about mean temperature trends?
A: In the United States the biases in maximum and minimum temperature trends are about the same size, so they cancel each other and the mean trends aren't much different from siting class to siting class.
Dal suo famoso paper (con Fall, Nielsen-Gammon, Jones, Niyogi, Christy e Pielke sr, risultato dell'analisi di surfacestations.org) pubblicato l'anno scorso, ben prima di BEST.


 Bob Tisdale e il fantasma della PDO
The PDO is an aftereffect of ENSO. The PDO does not represent the Sea Surface Temperature of the North Pacific. The PDO is actually inversely related to the detrended SST anomalies of the North Pacific over decadal time scales and the PDO lags them. Taking all that into consideration, through what mechanism would the PDO impact global temperatures?

Arguments about anthropogenic global warming cannot be won by misrepresenting the PDO, or by using outdated TSI data, or by creating unusual global temperature anomaly graphs that are obviously wrong to anyone familiar with the instrument temperature record.
E per fortuna che i cicli oceanici multi-decennali come la PDO (ma anche ricostruzioni outdated della TSI o far-fetched delle temperature) dovrebbero essere in grado di spiegare tutto. Senza incertezze (ché altrimenti il tutto manco è vero) e senza pietà.


Roy Spencer e il dragone imprigionato in serra
Yes, Virginia, Cooler Objects Can Make Warmer Objects Even Warmer Still. 
Dicasi dragon-serra ogni riferimento puramente casuale ai dragoni che han scritto il best-seller acquistato nella farmacia del primo supermercato suburbano dietro lo svincolo. E che l'eccentrico climatologo scetticista ma non terrapiattista si affanna, spesso, a smantellare con sagacia dal suo blog.
Come d'altronde, su questo mito (e su altri) ha pure fatto un' altra famosa "eminenza grigia" dello scetticismo duro e puro: Fred "singing in the smoke" Singer (h/t ocasapiens).



Commenti

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Il clima scatena la guerra

Vendicati i "modellini farlocchi"

Clima più estremo? III — Heatwaves, feedbacks