Nostalgia dei ghiacci

Dedicato a Koni.
Dall'Artico all'Antartico passando per le Alpi, in una sorta di rapido tour alla ricerca del ghiaccio perduto.

fonte
Non percepiamo la crisi climatica come una trasformazione perché rispetto al nostro "tempo intimo" avviene al rallentatore. (fonte, trad. ocasapiens)
Non certo per Koni, per il quale purtroppo su Meltlandia sembra proprio che "il cambiamento climatico lo abbia reclamato come vittima.

Neppure per chi ha evidenziato una perdita di 4/5 del volume del ghiacciaio del Gries (Alpi vallesane, CH, uno dei ghiacciai di riferimento internazionale) negli ultimi 170 anni. Nel 1850 arrivava fino ai miei piedi dove ho scattato la seconda foto. Per il momento, il bilancio di massa attuale (9 agosto 2020) è nella media negativa degli ultimi 10 anni (al settimo posto dietro i più estremi 2015, 2017, 2011, 2018, 2012 e 2010).





E non di certo nemmeno per Claude Lorius sull'altro polo del pianeta.

Ho fiducia, l'essere umano non è mai tanto magnificamente se stesso se non come di fronte alle difficoltà (Claude Lorius).
Il film oggi lo dedico proprio a Koni.


Commenti

Post popolari in questo blog

SYS 64738

Inverni europei sempre più miti