Uniti dietro la scienza

Più di 12'155 23'000 26'801 scienziati provenienti da Germania, Austria e Svizzera (agg. 31/3) sostengono le preoccupazioni dei manifestanti dello sciopero del clima. Solo in Svizzera ci sono 3773 firmatari. Secondo la dichiarazione rilasciata il 12 marzo scorso dagli "scienziati per il futuro", le attuali misure per la protezione del clima, delle specie, delle foreste, del mare e del suolo sono tutt'altro che sufficienti. MS pubblica il loro comunicato stampa. A seguire, una lista di 24 fatti inoppugnabili.



Il comunicato stampa
I giovani chiedono giustamente che la nostra società si concentri immediatamente su soluzioni sostenibili. Senza un cambiamento profondo e coerente, il loro futuro è in pericolo
scrivono i ricercatori nella loro dichiarazione. Le misure sostenibili e rispettose del clima devono diventare semplici ed economiche, mentre le misure dannose sono meno attraenti e costose.
Antoine de St-Exupery diceva: «Non ereditiamo la terra dei nostri genitori, la prendiamo in prestito dai nostri figli». Oggi la nuova generazione chiede responsabilità: cosa ne avete fatto della terra che ci avete preso in prestito?
 ricorda Martine Rebetez, climatologa dell'Università di Neuchâtel e del WSL.
Le loro azioni non violente ma efficaci hanno scosso la politica e il pubblico come mai prima d'ora. Potrebbero trasformare le prossime elezioni in un referendum sul clima
ha detto Thomas Stocker, fisico del clima dell'Università di Berna. Sonia Seneviratne, ricercatrice in climatologia presso l'ETH di Zurigo, aggiunge:
i ragazzini che oggi hanno 10 anni avranno tra i 30 e i 40 anni quando avremo ridotto a zero le emissioni di gas serra per evitare un riscaldamento di 1,5 °C. Questi giovani saranno dunque costretti convivere con le conseguenze, sia delle nostre azioni che della nostra assenza di azioni odierne.
Il cambiamento climatico è una realtà di cui l'essere umano è pienamente responsabile e i cui effetti sono chiaramente percepibili oggi. Tuttavia, gli attuali impegni politici non sono sufficienti per raggiungere gli obiettivi climatici globali di Parigi
afferma Reto Knutti dell'ETH di Zurigo e Presidente di ProClim, il Forum sui cambiamenti climatici e il cambiamento globale dell'Accademia svizzera delle scienze naturali. Il fatto che così tanti ricercatori abbiano firmato la dichiarazione in pochi giorni non è una sorpresa per lui. Il documento di sintesi è stato scritto da scienziati di scienze del clima, biodiversità, sostenibilità e scienze sociali sui processi di trasformazione.

24 fatti inoppugnabili

1 - A livello mondiale, la temperatura media è già aumentata di circa 1 °C (rispetto al 1850 - 1900). Circa la metà dell'aumento si è verificato negli ultimi 30 anni.

2 - A livello mondiale, gli anni 2015, 2016, 2017 e 2018 sono stati gli anni più caldi da quando sono iniziate le registrazioni meteorologiche.

3 - L'aumento della temperatura è quasi interamente dovuto alle emissioni di gas serra prodotte dall'uomo.

4 - Già con il riscaldamento attuale ci troviamo di fronte a molte regioni con eventi meteorologici estremi più frequenti e più forti e con le loro conseguenze come ondate di calore, siccità, incendi boschivi e forti precipitazioni.

5 - Gli effetti del riscaldamento globale sono anche una minaccia per la salute umana. Oltre alle conseguenze dirette di cui sopra, dovrebbero essere considerati anche gli effetti indiretti del riscaldamento globale, come l'insicurezza alimentare e la diffusione di agenti patogeni e loro vettori.

6 - Se la comunità globale non riuscisse a raggiungere l'obiettivo stabilito dall'Accordo di Parigi di limitazione del riscaldamento globale a 1,5 °C rispetto al 1850 - 1900, molte regioni del mondo potrebbero sperimentare un impatto climatico significativamente maggiore sull'uomo e sulla natura.

 7 - Per non superare un riscaldamento di 1,5 ° C, le emissioni nette di gas a effetto serra (soprattutto CO2) devono diminuire molto rapidamente e ridursi a zero nei prossimi 20-30 anni in tutto il mondo.

8 - Ciononostante, le emissioni di CO2 continuano a salire. Con le proposte attualmente sul tavolo in tutto il mondo, il riscaldamento dovrebbe superare verosimilmente i 3 °C entro la fine del secolo e poi continuare ad aumentare a causa delle continue emissioni e degli effetti di feedback.

9 - Il tempo stringe: alle attuali emissioni, se si vuole seguire il percorso di contenimento del riscaldamento a 1,5 gradi, il bilancio delle emissioni globali di carbonio sarebbe sufficiente ancora per soli 10 anni. 25-30 anni in caso si volesse seguire il percorso a 2 gradi.

10 - Dopodiché, vivremo con un "fido bancario di CO2", il che significa che i gas a effetto serra che verranno emessi da allora in poi dovranno essere rimossi dall'atmosfera più avanti a prezzi più cari. Persino i giovani che vivono oggi dovrebbero contribuire a saldare di nuovo  questo "credito". Se questo fallisse, molte generazioni future subiranno le gravi conseguenze del riscaldamento globale.

11 - Prima che sia troppo tardi: con l'aumento del riscaldamento della terra, diventano sempre più probabili i pericolosi punti di svolta (tipping points) climatici del sistema terrestre, cioè tutti quei processi che si auto-rinforzano. Ciò significherebbe che, se superati questi punti, il ritorno alle temperature globali odierne non sarebbe più realistico per le generazioni future.

12 - Gli oceani assorbono attualmente circa il 90% dell'energia aggiuntiva. Hanno anche assorbito circa il 30% della CO2 emessa finora. Le conseguenze sono l'innalzamento del livello del mare, la perdita di ghiaccio marino, l'acidificazione e la mancanza di ossigeno nell'oceano. L'attuazione coerente degli obiettivi dell'accordo di Parigi è essenziale per proteggere l'uomo e la natura e limitare la perdita di specie e habitat marini, in particolare le barriere coralline fortemente a rischio di estinzione.

13 - In molte aree, i mezzi di sussistenza umani sono minacciati dal superamento dei limiti planetari. A partire dal 2015, due dei nove confini sono stati superati criticamente (riscaldamento del clima e cambiamento dell'uso del suolo), altri due (distruzione della biodiversità e perturbazione dei cicli del fosforo e dell'azoto) sono stati superati in modo critico.

14 - Oggi sta avendo luogo la più grande estinzione di massa dall'età dei dinosauri. Attualmente, la perdita di specie in tutto il mondo è da 100 a 1000 volte più veloce rispetto a prima dell'inizio dell'influsso antropico. Negli ultimi 500 anni, oltre 300 specie di vertebrati terrestri si sono estinte; le componenti investigate delle specie vertebrate sono diminuite del 60% in media tra il 1970 e il 2014.

15 - Le ragioni del declino della biodiversità sono imputabili alle perdite di habitat dovute all'agricoltura, alla deforestazione e all'uso del suolo per gli insediamenti e il traffico. Si aggiungono inoltre l'introduzione e la diffusione di specie invasive, oltre che la sovra-utilizzazione sotto forma di sovraffollamento, sovrasfruttamento e caccia eccessiva.

16 - Il riscaldamento globale è un ulteriore fattore di aggravio: con emissioni di CO2 invariate, entro fine secolo potrebbe scomparire la metà delle specie animali e vegetali ad esempio dal bacino amazzonico o dalle isole Galapagos. Il riscaldamento marino è anche il principale fattore di minaccia per le barriere coralline tropicali.

17 - La perdita di terreni agricoli e della fertilità del suolo, così come la distruzione irreversibile della biodiversità e degli ecosistemi, mettono in pericolo i mezzi di sostentamento e le possibilità di intervento delle generazioni presenti e future.

18 - Nel complesso, sussiste il pericolo che carenza di acqua potabile e scarsità di cibo  - dovuti all'inadeguata protezione dei suoli, degli oceani, delle risorse di acqua dolce e della biodiversità, combinata con il riscaldamento globale come "moltiplicatore di rischio" - inneschi o aggravi conflitti sociali e militari in molti paesi e contribuisca alla migrazione di gruppi di popolazione più grandi.

19 - Per la protezione del clima, della terra e degli ecosistemi marini sono necessari una nutrizione sostenibile con una forte riduzione del consumo di pesce, carne e latte e un riorientamento dell'agricoltura verso una produzione alimentare efficiente sotto il profilo delle risorse.

20 - L'allevamento di animali da reddito rappresenta meno di un quinto delle calorie mondiali consumate su più di quattro quinti del terreno agricolo e rappresenta una percentuale significativa delle emissioni di gas serra dannosi per il clima. Poiché la superficie agricola comprende praterie permanenti, colture permanenti e terre coltivabili e una parte significativa delle praterie permanenti non può essere convertita in terreno agricolo, anche il confronto successivo è pertinente: più di un terzo del raccolto globale è attualmente utilizzato come mangime per animali.

21 - L'aumento del consumo diretto di cibo vegetale riduce la necessità di terreni arabili scarsi, produce meno gas serra e ha anche notevoli benefici per la salute.

22 - Le sovvenzioni governative dirette per i combustibili fossili ammontano a diverse centinaia di miliardi di dollari US all'anno. A questo si aggiungono i costi sociali e ambientali non compensati dalle tasse (in particolare i costi sanitari dovuti all'inquinamento atmosferico) che, secondo le stime degli esperti del Fondo Monetario Internazionale (FMI) , ammontano a circa 5 trilioni di dollari US annui; ciò corrisponde al 6,5% del prodotto interno lordo mondiale del 2014.

23 - Per tener conto del principio "chi inquina paga", i danni climatici dovrebbero essere aggiunti al costo della combustione dei combustibili fossili. Un metodo con cui le emissioni possono essere ridotte in modo particolarmente efficiente è ad esempio quello che fa leva sui prezzi della CO2. Finché l'offerta di energie rinnovabili a basso costo non è ancora stata raggiunta in maniera sufficiente, gli oneri che ne derivano devono essere resi socialmente accettabili. Ciò è possibile, ad esempio, attraverso trasferimenti o sgravi fiscali per famiglie particolarmente colpite oppure mediante un pagamento forfettario per i cittadini.

24 - I costi drasticamente in calo e l'aumento delle capacità di produzione di tecnologie già compatibili con il clima rendono accessibile il passaggio dai combustibili fossili a un sistema energetico basato completamente sulle energie rinnovabili e creano nuove opportunità economiche.

Commenti

  1. - L'aumento della temperatura è quasi interamente dovuto alle emissioni di gas serra prodotte dall'uomo.


    Io direi interamente. La tendenza naturale era verso un raffreddamento.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione, ma lo statement dell'associazione di scienziati non fa direttamente menzione della differenza fra trend di fondo e variabilità interna.
      Nell'ultimo secolo, più dei 4/5 del riscaldamento globale osservato è imputabile alla forzatura radiativa determinata dall'aumento dei gas serra di origine antropica e solo meno di 1/5 alla variabilità interna e non forzata del sistema climatico.

      Elimina
    2. https://www.carbonbrief.org/analysis-why-scientists-think-100-of-global-warming-is-due-to-humans

      C'era anche un articolo su Real Climate, mi pare, ma vattelapesca...

      Elimina
  2. Punto 10:
    "I gas a effetto serra che verranno emessi da allora in poi (intorno 2050) dovranno essere rimossi dall'atmosfera più avanti ..."

    Quanto è verosimile, secondo Lei, Steph, che entro questo termine vengano messe a punto tecnologie per la cattura del CO2 in quantità adeguata?

    Saluti.

    R

    RispondiElimina
  3. Buongiorno Renato.
    Difficile a dirsi. Esistono già tecnologie in grado di catturare CO2 ( per esempio , ascolta anche qui , vedi anche qui ), il problema sta proprio nelle parole conclusive "in quantità adeguata".
    Sono ancora esempi puntuali, ma per raggiungere gli obiettivi prefissati con l'Accordo di Parigi e non superare il GW di 1,5 gradi entro fine secolo (diminuzione immediata e rapida delle emissioni di CO2 - 50% in meno rispetto al 2010 entro il 2030 - , bilancio del carbonio neutro entro il 2050, sottrazione del CO2 atmosferico mediante riforestazione e ulteriore estensione della copertura forestale e sviluppo e diffusione di tecnologie per cattura e stoccaggio di CO2) occorrerebbe che la diffusione di queste tecnologie acceleri.
    In termini generali, abbiamo già perso molto, troppo tempo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Steph per i link, ma ... "We will soon be offering Carbon Dioxide Removal" ... "soon": la tecnologia non è pronta.
      Infine, assai sospetto, ai miei occhi, "Sectors such as shipping and aviation do not yet have viable alternatives to fossil fuels", e quindi, interpreto io, devono poter continuare a scaricare tutti i gas serra che gli pare . . .

      Mi sembra che, se Climateworks è il meglio che abbiamo, siamo messi male.

      R



      Elimina
    2. No, non penso sia il meglio, ma è una delle aziende pioniere in questo settore. Quanto a shipping and aviation: semplicemente sono realisti. L'elettrificazione dei motori aerei e navali, al momento, è purtroppo ancora lontana.

      http://www.hdmotori.it/2018/04/09/aerei-elettrici-ibridi-rivoluzione/
      https://www.dw.com/en/are-electric-vessels-the-wave-of-the-future-in-shipping/a-43046309
      https://eciu.net/briefings/net-zero/transport-aviation-and-shipping

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

SYS 64738

Inverni europei sempre più miti